Il museo va in scena

Il museo va in scena
Descrizione e Obiettivi
Il progetto si rivolge principalmente agli adulti e intende valorizzare, attraverso interventi teatrali, siti archeologici e musei della Regione Campania. L’idea è quella di stimolare la frequentazione dei luoghi culturali. E’ dimostrabile, infatti, che la suggestione di un particolare intervento teatrale o di una performance, sensibilizza lo spettatore ad un più profondo interesse verso il luogo stesso. Lo stimolo alla fantasia suggerito dall’azione scenica rende “vivi” luoghi e reperti, favorendo nel visitatore, anche nel più distratto, un’ampia chiave di lettura. In questo modo, anche i singoli frammenti di oggetti, giunti a noi attraverso un lungo viaggio nel tempo, non rischiano di passare inosservati, ma acquistano una rinnovata forza evocativa e comunicativa.
Nello specifico sono stati presi in esame due ambiti nei quali intervenire:

  • siti archeologici
  • musei

Nel primo caso verranno proposti degli spettacoli costruiti scenicamente sulla specifica base dello spazio che si intende evidenziare permettendo, così, di far cogliere al visitatore caratteristiche estetiche e geomantiche che urante una normale visita non verrebbero rilevate.

Nel secondo caso le rappresentazioni saranno ospitate all’interno della struttura museale, laddove sia possibile nel rispetto e nella sicurezza del luogo e dei reperti, oppure in uno spazio limitrofo idoneo. L’evento può essere contemporaneo o precedente la visita al museo, in modo da fornire al pubblico stimoli interpretativi che ne accrescano l’attenzione verso i reperti, valorizzando sia il visibile, che non detto e permettano anche una personale ricostruzione storica.

Le proposte di spettacolo:

  1. Performance teatrale nel museo: Interventi che si svolgono in un’area precisa del museo attrezzata con sedie per il Pubblico e una minima scenografia in cui l’attore\attori si possono muovere utilizzando luci e musiche. Di seguito Una sintesi delle tipologie di eventi che si intendono realizzare: (La Mandragola di Machiavelli, Due Menecmi di Plauto, Trovarsi di Pirandello, La Cassaria di L.Ariosto, Il Cilindro di Eduardo de Filippo e La scuola delle mogli di Moliere)
  2. Visite in compagnia di personaggi storici: Questo genere di visite si caratterizzano per l’uso di più forme di interpretazione personalizzata e teatro-museo contemporaneamente. Esse si svolgono all’interno di un percorso museale prestabilito dal personale del museo e dal regista della compagnia. Sono effettuate da più attori contemporaneamente che intrecciano i loro interventi attorno a un percorso effettuato da una guida vera e propria.
  3. Quadri viventi: E’ prevista la presenza di interpreti che aspettano i visitatori in alcuni spazi a loro dedicati. I cosiddetti: “Quadri viventi” che si animano all’arrivo del singolo visitatore o del gruppo in visita al museo. I quadri viventi composti da uno o più attori, possono riferirsi direttamente a un’opera presente nel museo imitandone la composizione, o semplicemente avere a che fare con un determinato periodo o personaggio storico. Possono essere sia in forma di dialogo con il pubblico che in forma di brevissimo spettacolo di durata inferiore a 10 minuti.

 

Vi invitiamo a porci alla prova.

Per info e contatti:

Teatro Nyce , progetto della Nyce event srl
azienda campana di animazione sport e
spettacolo.
www.teatro.nycevent.it
eventi@nycevent.it
3335478865 – 3397918242

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *